Pubblicato il Lascia un commento

Analisi pagina Mummu Academy Joela

Come rendere questa pagina più visibile e user friendly?

1)”Impara la lingua inglese in modo semplice e

naturale”                                                                                                         Sebbene la parola naturale sia indicata dal punto di vista educativo, credo che sia poco comprensibile, e magari irritante per chi cerca di imparare l’inglese (e ne è costretto per lavoro o studio) e non trova l’apprendimento per nulla “naturale”.

2)”in sole 30 ore”                                                                                                                               Credo che sia un concetto da mettere in grassetto e spiegare maggiormente.. Soprattutto per il fatto che molte persone che cercano corsi di inglese sono spaventati oltre che dal prezzo, dalla durata e dall’impegno che devono metterci, per cui sottolineare di nuovo la durata dei corsi è una buona strategia.

3) Nel centro della pagina ci sono troppi riquadri di informazioni

Questo crea una situazione di caos visivo che rischia di allontanare l’utente.

In particolare “Cosa dicono di noi” andrebbe a mio avviso inserito dopo, almeno dopo la descrizione del corso. Gli approfondimenti potrebbero essere messi non nella barra a lato ma sotto, dopo l’introduzione del corso, in t3, con il link. Oppure con la barra laterale ma non in quel punto preciso.

La descrizione della scuola e della sua mission andrebbe messa dopo la descrizione del corso, e possibilmente a fine pagina. All’utente serve di capire prima di cosa si tratta e poi qual’è la scuola che offre il corso. Introdurre prima la scuola e le sue informazioni non è funzionale in termini di ricerca. Il primo paragrafo almeno andrebbe spostato giù nelle informazioni della scuola, ovviamente con il link a una pagina dedicata (tipo “Scopri tutti i nostri corsi” ) mentre le informazioni sugli orari delle lezioni e sulle certificazioni internazionali andrebbero messe insieme al paragrafo “Corso di inglese a Firenze”.

Ad ogni modo, per me utente che cerco velocemente informazioni, dopo avere avuto “le basi” con lo schema introduttivo del corso, cerco delle parole “calde” che mi spieghino il corso e mi motivino. 

Trovarsi dopo poche righe a una situazione visiva in cui ci sono ben 5 riquadri da leggere (tipo siti come Repubblica, o Amazon) nella stessa area è, a mio avviso, controproducente, perché disperde l’attenzione.

4) “Il livello giusto per il tuo corso di inglese a Firenze”

Per prima cosa a livello logico, il paragrafo dei livelli dei corsi deve andare dopo quello del test. Di sicuro ci saranno molte persone che cercano sui motori di ricerca un corso di inglese che rilasci una certificazione, probabilmente richiesta a lavoro o a scuola, ma non hanno un’idea precisa di quali e quante siano el certificazioni. Introdurre il tema delle certificazioni con una tabella excel rende “macchinoso” e poco comprensibile il messaggio della pagina e inoltre allontana quegli utenti alla ricerca di un corso di inglese “basic” (A1, A2, B1) che magari hanno poca dimestichezza con sigle, e certificazioni.

Inoltre, penso che il contenuto della tabella potrebbe essere trasformato in testo descrivendo gli orari dei corsi per livello.

Il giorno di partenza inoltre deve essere scritto ben chiaro e in grassetto (vogliamo che l’utente traccheggi o che si decida a iscriversi per tempo così facciamo le classi?).

5) Il livello giusto per il tuo corso di inglese a Firenze

Forse è più probabile che gli utenti cerchino “Qual è il mio livello di inglese?”, e potrebbe essere usato per il titolo al posto di questa frase

Inoltre, se fosse possibile, potrebbero esserci due link/bottoni nel testo: un link a un form per prenotare il test presso la sede, o in alternativa, in tempo di Covid-19, forse un test online (link a pagina interna) a cui si accede tramite un form che raccoglie i dati dell’utente (mail, telefono) per poi ricontattarlo per dargli un feedback sul suo risultato, sarebbe una buona idea.

Il quiz di inglese è invece posizionato molte righe sotto,  in un riquadro a destra, ed è a mio avviso, poco funzionale.

6) Sei uno studente universitario?

Probabilmente chi cerca corsi di inglese per certificazioni universitarie non scrive questo. A mio parere “Certificazioni di inglese per l’università” è più adeguato come titolo, anche se apprezzo il tono colloquiale utilizzato.

7) Esercizi in inglese

Sebbene l’introduzione sia interessante ed inclusiva, “Qualunque siano state le nostre esperienze di studio, abbiamo chiaro il ruolo dell’esercizio e della correzione degli errori nel processo educativo.” la frase successiva è pura letteratura “Capire dove e cosa si sia sbagliato è determinante per una sintesi cognitiva ottimale: mi immagino che un buon 70-80% di chi cerca corsi di inglese a Firenze non abbia una chiara idea di cosa sia una “sintesi cognitiva ottimale”. 

Per avvicinare un utente medio è necessario usare un linguaggio più informale, sempre attento a non scadere nel banale o volgare, ma non così astratto e specifico.

Inoltre, dà subito l’idea di essere un corso molto LIBRESCO, poco interattivo, con poco “speaking and listening” e molto “reading and writing”. Ciò significa che d’istinto una buona parte di chi cerca corsi d’inglese (che non lo fa per studio individuale o per sua passione, ma spinto da motivazioni concrete) non si avvicinerà. Perché da un corso di inglese si richiede qualità di contenuti, insegnanti qualificati, certificazioni… ma anche la possibilità di “imparare divertendosi” , o nel modo più “leggero” possibile(il divertimento non è mai menzionato ed è un ottimo motivante).

8)Per partecipare al Corso di Inglese a Firenze di Mummu Academy
è necessario essere in possesso della “Mummu Card” 

Questa informazione è TOTALMENTE AVULSA DAL CONTESTO. Inutile metterla qui, meglio metterla nella pagina “Come iscriversi”

9) Come raggiungerci

Bastava inserire una mappa, ed era molto più semplice da capire. Le espressioni “nei pressi”, “in prossimità” e il link alle FAQ per arrivare fanno sembrare la scuola posizionata in una località non meno complicata da raggiungere di Mordor!  

Ma dove si trova la Mummu Academy?

10) La barra laterale

Mi rendo conto che è una scelta di layout, ma credo potrebbe essere più comprensibile e appetibile se, per es. gli altri corsi tenuti nella scuola con i relativi link fossero in una barra in fondo. 

Tirando le fila

In generale l’aspetto della pagina è poco “appealing”. Senza immagini, con le due tabelle excel, molto testo da tutte le parti, pochi colori o pulsanti (solo in cima), un linguaggio molto specifico e impersonale: tutto dà un’immagine di qualcosa ben poco “friendly” ma molto più simile a una scuola vera e propria (nel senso più tradizionale e chiuso del termine) piuttosto che un centro di formazione.

Qui bisogna capire chi è il target group a cui ci si vuole indirizzare: sono gli studenti che devono fare i test di inglese dell’università? Giovani lavoratori? Disoccupati che cercano di rendere il cv più appetibile? Professionisti che vogliono aprire i loro ambiti lavorativi all’estero? Persone qualunque che vogliono riuscire a capire qualcosa di inglese (per turismo o svago)?

Se il target group è di studenti e professionisti, la pagina funziona bene e fornisce delle informazioni corrette, altrimenti se vuole aprirsi a una ricerca di persone qualsiasi sul web, l’intero aspetto della pagina dovrebbe essere reso più “friendly” e informale, dal linguaggio all’uso di immagini, dall’ordine dei titoli al tono di voce.

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

Esercizio Errori Laura

ERRORI

  1. La pagina è troppo piena, non so dove posare gli occhi, non viene rispettata la “F”
  2. Credo che la pagina sia troppo lunga, non mi viene voglia di leggerla, l’animale selvaggio che è in me se ne sarebbe già andato. I periodi sono troppo lunghi e un po’ pesanti e per acquistare il corso servono 4 click circa
  3. Grafica poco accattivante, non mi piace, mi urta la dimensione diversa dei font tra i paragrafi vari e quello delle “informazioni
  4. Quantità eccessiva di parole in grassetto
  5. Ripetizione infinita delle parole chiave, ho capito a inizio pagina che si tratta di un corso di inglese , sembra di parlare dei pantaloni di Megan Markle
  6. Non ho capito quanto costi il libro, se incluso nel costo del corso o meno
  7. Nessun rispetto della “piramide rovesciata”, i concetti sono spiegati un po’ dove vogliono nell’infinito numero di paragrafi
  8. “Orario: tutti gli orari”, non ho capito. Non so quante siano le ore al giorno e nemmeno quante volte a settimana
  9. Mancanza di  chiarezza nell’Alt dell’immagine , troviamo scritto “corso di tedesco”
    "corso di tedesco" scritto come alt dell'immagine

  10. Cercando nella sorgente pagina appaiono 68 h1 e paragrafi interi in h2
  11. Mi apre la pagina delle FAQ nella stessa scheda, che fastidio
  12. Le tabelle sono orribili e troppo grandi, non si adattano bene. 

COSE BUONE

  1. La pagina offre esercizi per capire il proprio livello
  2. Pagina ottimizzata per la velocità, ridotta a 2MB

 

 

Pubblicato il Lascia un commento

Analisi Pagina Mummu Academy Mirko

Errori:

  1. Nell’introduzione della pagina non si fa leva sul bisogno che porta l’utente a cercare il corso d’inglese. In generale non mi sembra che la pagina sia strutturata per rispondere alle priorità dell’utente nel giusto ordine.
  2. Nel secondo paragrafo invece che entrare subito più nel dettaglio del corso di inglese fa una panoramica generica sulla scuola
  3. Non è chiaro se siano in presenza o online o entrambi.
  4. L’inizio dei corsi e la durata rimangono troppo astratte, non c’è una chiara programmazione del corso nel suo complesso, la tabella che c’è non è immediata e rischia di confondere ancora di più.
  5. Non si trovano tracce dei livelli più elevati C2 e C1 (se non in un altro link da cliccare). Anzi, le ho trovate dopo 20 minuti che analizzavo la pagina (-.-‘) , la tabella oltre ad essere brutta e fatta male, è anche incompleta!
  6. Non c’è un i-frame di google maps (aiuterebbe)
  7. Nella pagina non c’è la minima traccia di un contatto, che sia mail o telefono, per chiedere informazioni o chiarimenti.
  8. Quasi in fondo alla pagina dice che è necessaria una tessera annuale dal costo di 10€ non menzionata minimamente fino a quel momento.
  9. Abbastanza frequentemente utilizza periodi piuttosto lunghi e articolati (con varie frasi coordinate e subordinate).
  10. Prima di poter solo aggiungere il corso al carrello (poi va anche acquistato), ci sono da fare almeno 3 clic.
  11. Io avrei usata un po’ meno grassetto, non da un vero e proprio appiglio visivo all’utente-animale selvaggio.

Pro:

  1. Da del tu all’utente
  2. Nei primi 10 secondi trovi la maggior parte delle informazioni che cerchi
  3. Indica le linee Ataf per raggiungere la sede
  4. Buona la lunghezza dei paragrafi.